#NanoSenso

Informazioni sulla qualità dell'aria

Sapendo che gli edifici sono i più grandi consumatori di energia nel paese, il legislatore ha messo in atto diversi strumenti: incentivi fiscali per la ristrutturazione di vecchi edifici (il più consumo di carburante), la regolamentazione termica per Nuove costruzioni (l'ultima in vigore essendo il RT2012) e per la prima volta una regolazione per le più grandi costruzioni terziarie attuali così obbligarle a rinnovarle.

Le successive regolazioni termiche hanno privilegiato l'isolamento della carcassa e quindi la tenuta dell' aria , passando attraverso il riscaldamento con maggiore efficienza (condensazione e pompe di calore). Poiché la RT 2012 nuovi edifici sono quindi "a tenuta d'aria", che richiede una ventilazione controllata meccanica o naturale.

Infatti, un edificio ben isolato perde principalmente calorie attraverso il rilascio di aria calda in inverno o di aria fresca in estate a causa della ventilazione. Il consumo di riscaldamento e di aria condizionata diventa quindi principalmente legato al flusso di aria rinnovata.

È quindi necessario controllare il ricambio d'aria per ridurre al minimo il consumo energetico . Ma prima dobbiamo porci la domanda principale: perché abbiamo bisogno di rinnovare l'aria negli edifici?

Le nostre funzioni cerebrali ci distinguono dagli altri mammiferi, il cervello è il nostro patrimonio più prezioso. Questo, anche se rappresenta solo il 2% del peso del nostro corpo consuma solo il 20% dell'ossigeno dell'aria respirata attraverso il flusso sanguigno. E il sangue fornisce anche altri alimenti al cervello che nutre con frugalità.

La respirazione è simile alla combustione: inaliamo l'ossigeno che i nostri polmoni assimilano e che viene trasportato grazie all'emoglobina, ma respingiamo anche l'ossigeno che è stato consumato (ossidazione) sotto forma di CO2 e vapore acqueo (H2O). Il volume respirato in un solo giorno rappresenta un volume di 15m3 di aria. La superficie sviluppata dei nostri polmoni ha le dimensioni di un campo da tennis. Questa gigantesca superficie è molto porosa e assorbe, oltre all'ossigeno, anche i composti organici volatili (COV) e le particelle fini contenute nell'aria. Se questi elementi non venissero assorbiti, il fondo dei nostri polmoni si sporcherebbe in un giorno come il fondo del nostro letto dopo un mese. Per esempio, respirando i vapori dell'alcool (un COV tra gli altri), si può diventare rapidamente ubriachi, per non parlare delle droghe che si inalano.

Tutti questi elementi assorbiti dalla respirazione sono trasportati dal sangue per nutrire principalmente il nostro cervello.

Per questo motivo, una scarsa qualità dell'aria interna compromette le funzioni cognitive, la produttività e la salute.

Ad esempio, una concentrazione di 1.000 ppm di CO2 (l'aria che respiriamo), che è la soglia regolamentare per un classe della scuolaI risultati dello studio mostrano una riduzione delle funzioni cognitive di oltre il 23%. Quando si sa che in un classe della scuola Poiché è comune raggiungere più di 3.000 ppm dopo un'ora di lezione, non sorprende che gli studenti si comportino male. Elevati livelli di CO2 vengono raggiunti anche in una camera da letto con porta chiusa, il che influisce sulla qualità del sonno.

Mentre la CO2 non ha alcun impatto sulla salute (se non a livelli estremamente elevati), i COV e le particelle sottili hanno un impatto sulla salute. Le sole particelle fini sono responsabili di oltre 48.000 morti all'anno in Francia. I COV sono complessivamente dannosi, ma alcuni sono ora soggetti a norme specifiche per gli stabilimenti che ricevono il pubblico (ERP) perché sono riconosciuti come cancerogeni comprovati: formaldeide e benzene. La formaldeide si trova nel legno (naturale) ma soprattutto nelle colle (pannelli truciolari). Il benzene si trova in alcune materie plastiche e nei fumi della benzina (in sostituzione del piombo). I casi in cui il benzene è il più importante riguardano i parcheggi collegati all'abitazione.

Per queste diverse ragioni è quindi indispensabile ventilare gli edifici, ma la diluizione con l'aria esterna non è sempre la soluzione ottimale sia in termini di energia che di qualità.

<i class=" fa fa-angle-up" aria-hidden="true" role="img"></i>
×
×

Cestino